BLOGGER TEMPLATES AND TWITTER BACKGROUNDS »

mercoledì 22 giugno 2011

Una fuga solitaria, gli occhi gonfi di grano

La casa è vuota e sento il rumore sordo delle suole che stuzzicano il frigido pavimento, che non cede alle molestie vagamente erotiche e le lascia andare e poi le fa ritornare, in una carezza infinita.

Brutte suole puttane, non dovete amare il pavimento, amatevi fra voi.

La casa è vuota ed ho una scodella di caldi popcorn da render parte di me, tentando prodezze paraboliche per rischiosi strozzamenti.

La casa è vuota ed io non sono felice.

La mia tastiera è unta, ora.

4 commenti:

Elsewhere ha detto...

Bentornato! Di certo il mondo ha più bisogno di te che di un novello E.H.! <3

Anonimo ha detto...

Vous avez de bons points il, c'est pourquoi j'aime toujours verifier votre blog, Il semble que vous etes un expert dans ce domaine. maintenir le bon travail, Mon ami recommander votre blog.

Mon francais n'est pas tres bon, je suis de l'Allemagne.

Mon blog:
Credit Immobilier aussi Rachat de Credit immo

Anonimo ha detto...

Io adoro avere la casa vuota! La tentazione sarebbe di metter su il chiavistello e sprangare le finestre in modo da non far rientrare più nessuno...ecco, tipo occupazione! Poi, mi rendo conto che io non potrei più uscire e allora... Fifì

Sheepwrecked ha detto...

Caro Fifi,
vorresti chiuderti in casa per non far entrare più nessuno, però, nel contempo, desideri future uscite. Cos'è che ti spaventa: l'inevitabile e mancanza di ossigeno o la gargantuesca paura di non godere del calore altrui? Se così dovesse essere, non avrebbe senso sprangare le finestre. Ti confesso una cosa: ho molta paura di rimaner solo, non per i fantasmi! :P